Moulay Driss Zerhoun

Moulay Driss Zerhoun

Le colline intorno a Moulay offrono numerose opportunità per escursioni a piedi e per la fotografia.

Moulay Driss Zerhoun, città del Marocco, nella prefettura di Meknès, arroccata su due colline rocciose che dominano la valle dell’Oued Erroumane.

Considerata città santa, la storia racconta che nell’anno 789 la città fu fondata dal Moulay Idriss I, giunto dal Medio Oriente con la moglie Rashid in fuga dalla collera del califfo abbaside Harun al-Rashid.

Idriss I portò la religione dell’Islam in Marocco ed avviò la nuova dinastia degli Idrissidi.
Oltre a fondare la città, avviò anche la costruzione di Fès, proseguita dal figlio Moulay Idriss II.

Con mura e tetti decorati in verde, si estende in maniera compatta, con strade strette tipiche delle medine marocchine

La Città Santa

La bella città, con mura e tetti decorati in verde, si estende in maniera compatta, con strade strette tipiche delle medine marocchine. Iscritta nella lista del patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO dal 1995.

L’accesso alla città di Moulay Idriss era vietato ai non musulmani, fu solo nel 1916, che fu aperta ai visitatori.

Zawiya di Moulay Driss Zehroun è stato sviluppato sin dal XVI secolo, nel XVIII secolo, il vecchio mausoleo fu demolito dal sultano Moulay Ismail ibn Sharif e sostituito da ciò che esiste tutt'oggi.

Nei pressi della piazza principale vi è il Mausoleo di Idriss I, luogo sacro aperto solo ai musulmani.
Il Zawiya di Moulay Driss Zehroun è stato sviluppato sin dal XVI secolo, nel XVIII secolo, il vecchio mausoleo fu demolito dal sultano Moulay Ismail ibn Sharif e sostituito da ciò che esiste tutt’oggi.

Per tradizione marocchina, sei pellegrinaggi a Moulay Idriss, durante la festa annuale in onore del santo, sono equivalenti a un “hajj” (pellegrinaggio) alla Mecca.

Molto caratteristico è il minareto di Moulay Idriss, realizzato nel 1939 in stile bizantino e rivestito con piastrelle verdi con arabeschi, di un'altra moschea in città, l'unico a pianta circolare in Marocco

Molto caratteristico è il minareto, realizzato nel 1939 in stile bizantino e rivestito con piastrelle verdi con arabeschi, di un’altra moschea in città, l’unico a pianta circolare in Marocco.

Durante il regno di Hassan II (1961-1999) sono stati realizzati diversi miglioramenti, tra cui la costruzione della Koubba al-Hassania, la cupola del mausoleo.

Con mura e tetti decorati in verde, si estende in maniera compatta, con strade strette tipiche delle medine marocchine

Una fresca veduta spettacolare

Dalla collina di Moulay Idriss si vedono le rovine dell’antica città fenicia, poi romana, Volubilis, da cui nel corso dei secoli sono stati prelevati materiali per la costruzione delle case.

In città si tiene il più grande Moussem (festa tradizionale di origine religiosa) del Marocco, che dura diverse settimane a partire dall’ultimo giovedi del mese di agosto.
L’evento attira migliaia di pellegrini, che allestiscono una vera e propria città di tende sul pendio della collina cittadina.

Da molte generazioni, la prima visita ufficiale del Re del Marocco, dopo la sua incoronazione, avviene a Moulay Idriss.

La fertile pianura della Valle del Saiss si estende sotto la città, e uliveti punteggiano la campagna.

Anche se l’accesso nel mausoleo di Idris I è consentito solo ai fedeli, la cittadina attrae molti turisti, per l’atmosfera e la bellezza dei paesaggi.
Le colline intorno a Moulay offrono numerose opportunità per escursioni e per la fotografia.
La fertile pianura della Valle del Saiss si estende sotto la città, e uliveti punteggiano la campagna.

Regno del Marocco, destinazione imbattibile!!

Vuoi vivere esperienze indimenticabili durante i tuoi viaggi in Marocco?

Affidati alla nostra esperienza e professionalità, richiedi un preventivo gratuito.

Clicca sul pulsante qui sotto

Aggiungi il tuo commento, sarà sempre molto utile a tutti noi, grazie