Rabat, Capitale amministrativa Marocco. Conosciuta anche come "la città giardino". Elegante e affascinante, sulle Coste Atlantiche

Visita Rabat

Visita Rabat, Capitale amministrativa Marocco. Conosciuta anche come “la città giardino”. Elegante e affascinante, sulle Coste Atlantiche

Rabat e la sua Storia

Rabat e la sua Storia. Chellah, risalente al VIII Secolo, è una delle tante tracce a testimonianza della sua antichità. Questo nome venne dato dai Romani, che volevano chiamare il luogo “Sala” (castello).
I Romani, vi istituirono un porto fluviale, sulle rive del fiume Bou Regreg che però scomparve con la caduta dell’Impero Romano.
Un monastero fortificato, in arabo “ribat”, venne edificato nel X Secolo su una scogliera del fiume.
Da “ribat” ha avuto origine il nome della affascinante città dove, Abd al Moumen, ne fu fondatore con la dinastia Almohade.
Nel 1150, la Kasbah Oudaya, venne trasformata in una fortezza e venne usata per la conquista dell’Andalusia, inizialmente con il nome “Ribat al Fath” (campo della vittoria).

Al termine del XII Secolo, il potente sovrano Almohade, Yacoub El Mansour, diede ordine di costruire la famosa Torre Hassan copia del minareto della Moschea Koutoubia di Marrakech e della Giralda di Siviglia (Spagna), e fece costruire imponenti mura di cinta con torri e porte d’entrata alla Città.
Dopo la morte di Yacoub El Mansour e con la fine della dinastia Almohade, Rabat subì un netto declino.
Nel XIII Secolo, la dinastia Merinide, scelse Fes come capitale del Regno.
La bellissima Capitale divenne, nel frattempo, un covo per pirati.

Rabat, riconquistò la sua antica gloria solo dopo la venuta della dinastia Alawita.
Fu nel 1912 che il sultano Moulay Youssef lasciò Fes per recarsi a Rabat, nominandola capitale amministrativa del Marocco, facendo divenire la città, la seconda più grande area urbana.
Il Palazzo Reale “Dar al Mahzen”, venne costruito nel 1864, è ancor oggi un grande alloggio reale, al suo interno vivono e lavorano circa 2000 persone.

Rabat, una maestosa bellezza

Rabat, una maestosa bellezza, armoniosamente sviluppata con un rigore architettonico visibile in tutta la città.
Il Maresciallo Lyautey, primo governatore militare durante il “protettorato francese” in Marocco, amava chiamare Rabat “Città dei fiori”.
Con una serena passeggiata tra i vicoli della Medina, si arriva alle grandi strade cittadine, con la sensazione di vivere in due tempi differenti. Poderose mura, cingono la città.

Ammirevoli le porte ci città, Bab er Rouah , “porta del vento”, è fra tutte la più grandi. Venne costruita in stile Almohade con una monumentale facciata in pietra tra due torri. Al suo interno si trovano dei locali utilizzati come gallerie d’arte e mostre che ebbero inizio nel 1960.
Non molto distante si trova Bab Essoufara, “porta degli Ambasciatori”, da qui si ha accesso a “Mencouar”, una grande piazza in cui si tengono feste in onore al Re e, al Palazzo Reale.

Rabat, Capitale del Marocco, l’elegante “città giardino”

Arriva a Rabat con volo diretto da ogni città internazionale.

Escursioni da Rabat a Marrakech, Casablanca, Fes e Tangeri.

Visita El Jadida con escursione da Rabat di Viaggi Organizzati in Marocco.

Regno del Marocco, destinazione imbattibile!!

Vuoi vivere esperienze indimenticabili durante i tuoi viaggi in Marocco?

Affidati alla nostra esperienza e professionalità, richiedi un preventivo gratuito.

Clicca sul pulsante qui sotto


Citazioni di nomi, date, cenni storici e di luoghi reperiti da, Moroccan National Tourist Office

Aggiungi il tuo commento, sarà sempre molto utile a tutti noi, grazie